Che parola vuoi adottare?

Lavoro. Perché nobilita lo scrittore. Una volta passeggiavo sui fogli a seconda dell’umore, ora viaggio con più disciplina, tutt’al più che non credo nell’ispirazione, feticcio romantico piuttosto equivoco. Scrivo soprattutto nella cucina di casa mia, …

continua... Commenti disabilitati su Parole da adottare e da buttare: Marco Archetti