I setteperunici Letizia Bognanni e Francesco Gavatorta hanno inaugurato, insieme a Francesco Formaggi e Livio Milanesio, la collana I Singolari: racconti singol(ar)i che raccontano la realtà da punti di vista singolari.

Presto arriveranno Meduse (narrativa italiana), Metronomi (saggistica …

continua... Commenti disabilitati su Fiocco rosa nel mondo editoriale: è nata LiberAria

Hesher è il terzo film con Joseph Gordon-Levitt protagonista che vedo, terzo su tre di cui mi viene voglia di scrivere. Deduzioni: Joseph Gordon-Levitt è bravo bravo e ha buon gusto nello scegliersi i personaggi.

Nello specifico, Hesher è al …

continua... Commenti disabilitati su Hesher

Io, per esempio, sono pressoché certa che l’uomo della mia vita risieda in Svezia e faccia il videoartista. Contemplo anche la possibilità che il prince charming che si strugge nella mancanza della sottoscritta principessa viva a Torino e faccia il …

Quando su facebook andavano di moda i test tipo “che snorky sei?” (sembra un secolo fa, vero? Che nostalgia), al “che Beatles sei?” ero risultata essere George Harrison. Ovvio: schivo e meno considerato di J&P, ma alla fine il …

Quando ero giovane, stupida e piena di speranze, se pensavo a una me stessa ultratrentenne mi immaginavo donna risolta, risoluta e benvestita, non dico in tailleur ma di certo nemmeno in t-shirt di Hello Kitty. E invece… T-shirt di Hello …

La “commedia indie”, e lo dico da persona che la sera al posto del rosario si sgrana i programmi del Sundance, ha meriti e demeriti. I meriti si sanno: salvo eccezioni, tali commedie sono intelligenti, scritte in modo figo, …

Premessa: questo non è un film particolarmente bello, anzi tutto sommato è una cosetta buona da vedere su Italia 1 un pomeriggio d’estate. Però. A parte che c’è Robert Sheehan, e quindi tutti noi che ci abbiamo anche provato …

continua... Commenti disabilitati su Killing Bono

Quando ero all’università, per me, le mie coinquiline e i nostri amici di baldorie “Bukowski” non era più un nome. “Bukowski” era il termine che usavamo per indicare qualunque forma di sfattanza: era bukowski un bicchiere di plastica con un …

continua... Commenti disabilitati su Factotum

Non so se l’ho già detto (ah ah ah) ma io ho lasciato il cuore a Torino. Quando qualcuno mi chiede cos’è che mi piace così tanto di Torino, io faccio gli occhietti a stellina e parto con l’elenco. Elenco …

Lo so, non è una delle passioni più naturali del mondo, infatti credo di condividerla, oltre che con mia sorella e due amici parimenti nerd, con una decina di persone al mondo, ma oh, non posso farci niente: amo la …

continua... Commenti disabilitati su Submarine

“Le mie opere sono così superficiali! Se solo fossi stata stuprata da piccola!”

Quanta cattiveria artistica ci vuole per far pronunciare a qualcuno una battuta del genere? Una battuta che già da sola porta il film a un livello di …

 Uno dei miei difetti conclamati è che sono una tipa incostante. In tutto. Anche quando si parla di cause umanitarie, passate, presenti e future: un giorno decido di imbarcarmi sulla Freedom Flotilla, il giorno dopo mi sento in dovere …

continua... Commenti disabilitati su Hunger

Lui torna nel New Jersey da Los Angeles – dove fa l’attore ma anche il cameriere – per il funerale della madre. Incontra lei, che è tanto dolce ed epilettica, e dopo due giorni che la conosce le racconta che …

continua... Commenti disabilitati su Garden State

Fra le persone che trovo divertenti ci sono quelle che, quando dici il nome del luogo esotico e poco turistico in cui hai passato il Capodanno, esibiscono un’espressione fra l’esterrefatto e lo schifato, più schifato che esterrefatto, come se loro …

continua... Commenti disabilitati su Lost in Bahrain

 Il mio plauso si rivolge ai traduttori di titoli dei nostri giorni con entusiasmo sempre più incontenibile. Che peccato che professionisti di tal calibro non operassero già ai tempi in cui avrebbero potuto rendere davvero accattivanti Gone With The Wind

Io da grande volevo fare la giornalista musicale. Nel senso che volevo che qualcuno mi pagasse per fare la giornalista musicale. E volevo scrivere quei meravigliosi reportage all’americana lunghi, narrativi, in prima persona, divisi in capitoli intitolati con nomi di …