Poi è arrivato il tempo di preparare la valigia.

Il tempo di tornare: Isabel in Germania, io a Roma.

Il tempo del nodo in gola.

Così, l’ultimo pomeriggio, abbiamo deciso di fare una delle cose più da turisti che potevamo. …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #3 Dublino | #comeback

La vita di Dublino passa per il Saint Steven’s Green, almeno della Dublino che ho vissuto io. Nel parco c’è una zona dedicata a William Butler Yeats, con una scultura di Henry Moore che ricordo di non aver capito.

La …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #3 Dublino | #discovery

In uno degli agosti meno piovosi degli ultimi anni, a dar retta a quello che dicevano sul meteo strampalato di quei giorni i nostri prof di inglese con le camicie a scacchi e la pelle bianca latte, Dublino ha aperto …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #3 Dublino | #arrival

A 28 anni devo avere avuto una patologia emotiva che tendeva all’eversione autodistruttiva. Non è (ancora) stata riconosciuta dalla comunità scientifica internazionale, questa malattia all’anima de li mejo mia, ma so che esiste visto che per due estati – …