Che parola vuoi adottare?

Cipria, perché la mia bisnonna mi sembrava un pesce fritto, ma poi mi sono resa conto, crescendo, di quanto fosse elegante, quel suo gesto di spruzzarsi col pennello. E ancor prima, quel suo modo di …

continua... Commenti disabilitati su Parole da adottare e da buttare: Ursenna

A metà della strada in salita vive, in una casa bianca con le controfinestre in alluminio color bronzo, Matilde. Se chiedete di Matilde tra i vicini vi diranno tutti che non la conoscono: Tilde, invece, è impossibile non conoscerla. Matilde …

“Caro […] ti scrivo perché non riconosco più me stessa. Mi sento insoddisfatta e non riesco ad accettare le banalità della vita. Per non mostrare agli altri il mio tormento faccio la simpatica e la disinvolta, ma dentro di me

– Che facciamo quest’estate?

La domanda di Chiara non potrebbe mai reificarsi e diventare treno, in eventuali esistenze future o in un universo parallelo: arriva sempre puntuale. In genere, tra l’ultima domenica di marzo e la prima di aprile. Quella …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #2 Karpathos | #departure

In queste giornate molto difficili in diverse zone d’Italia, i libri e il loro mondo assumono un significato diverso, ancora più importante, come rifugi o strumenti utili per trovare informazioni o svago o solo un po’ di sollievo. Vediamo un …

continua... Commenti disabilitati su Il taccuino di Noemi #38

“Minchia io a Ammaniti ci voglio bene”: ecco qual è stata la prima reazione dopo poche pagine, forse addirittura dopo la prefazione (e io non la leggo MAI la prefazione, né la postfazione, né tantomeno ‘altri titoli dell’autore’ o …

Sei giorni passano come… beh, come sanno fare loro.

Uno per volta, 24 ore dopo 24.

E alla fine sono tornato. A casa, sì. Ma una volta a casa pure là, da dove ero appena andato via. Grazie alle foto, …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #1 Trapani | #comeback

Ora che splende un po’ di sole in quasi tutta Italia, anche il taccuino di oggi apre le finestre e si affaccia sul panorama offerto dal magico, mistico, proverbiale mondo dell’editoria internazionale!

1) Ti racconto il mio prossimo libro.  Questo …

continua... Commenti disabilitati su Il taccuino di Noemi #37

Che parola vuoi adottare?

Adotto scoperta, perché senza il desiderio continuo di scoperta e di novità saremmo sempre uguali e ogni giorno un po’ più poveri di idee e sentimenti.

Che parola vuoi buttare?

Butto invidia, perché appartiene …

continua... Commenti disabilitati su Parole da adottare e da buttare: Antonia

Da una finestra arriva la voce di una donna al telefono, intanto tramonta. Le auto lente, il traffico del rientro, motori indifferenti ai semafori spenti. Il fioraio davanti al cimitero prepara un mazzo di Gerbere per una signora piccola piccola, …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #1 Trapani | #discovery

E il Salone del Libro 2012 (detto #SalTo12 su twitter) si è gloriosamente concluso. Tra successi, polemiche, entusiasmo, progetti, emozioni di tutti i tipi e tantissimi visitatori e dunque lettori. Che bello: questo è proprio l’aspetto più interessante secondo me: …

continua... Commenti disabilitati su Il taccuino di Noemi #36

Recensioni SettePerUniche*

In principio dell’epilogo al testo, e volendone dare ragione, Borges argomenta così: «Dare un prologo a racconti non ancora letti è un compito quasi impossibile, perché richiede l’analisi di trame che è meglio non anticipare. Preferisco quindi un …

Che parola vuoi adottare?

Noi feticisti di Facebook abusiamo quotidianamente della parola amico, spalmandola su centinaia o migliaia di contatti spesso asettici e senz’anima. Sarebbe bello ridare a questa parola il valore e il carattere esclusivo che merita.

Che

continua... Commenti disabilitati su Parole da adottare e da buttare: Marta Traverso

Billy Eliott è il piccolo capolavoro di Stephen Daldry che tutti dovremmo riguardare quando ci sentiamo a corto di speranze e la nostra autostima si trova appena una tacca sotto quella di Gregor Samsa. La storia spero la conosciate: …

 

Trapani, quando arrivi dall’autostrada che viene da Palermo, ti accoglie con un paio di rotonde, ti scarrozza in una decina di traverse in cui vale la regola chi vuole passa – il che, se sei nato e cresciuto a Roma, …

continua... Commenti disabilitati su On the Rozz #1 Trapani | #arrival

Oggi il taccuino sarà un po’ monotematico… perché qui a Torino non si parla d’altro e se si è in cerca di una buona approssimazione di ciò che si definisce “il magico mondo dell’editoria”, eccoci accontentati: Il Salone del Libro

continua... Commenti disabilitati su Il taccuino di Noemi #35

Quando su facebook andavano di moda i test tipo “che snorky sei?” (sembra un secolo fa, vero? Che nostalgia), al “che Beatles sei?” ero risultata essere George Harrison. Ovvio: schivo e meno considerato di J&P, ma alla fine il …

Lo squonk, l’intransigente piagnucolone della Pennsylvania

La zoologia fantastica è un bel posto per le imprese memorabili. Fenici che esplodono in gloriose autocombustioni. Enormi cetacei che si spacciano per isole galleggianti. Giganti che proteggono sterminate foreste di cedri. Aquile che …

L’ambientazione, prima di tutto: vi invito a pensare a piovose e grigiomarroni distese di campi nell’estremo nordest, levatacce alle sei e mezza della mattina per prendere la corriera delle sette e venticinque per andare a scuola e un paesino sperduto …

continua... Commenti disabilitati su Muffin bicolori

#departure

Il primo viaggio l’ho fatto che avevo ventotto settimane, a bordo di mia madre. Quel venerdì mattina s’era infilata alle nove e venti già crepate di caldo in una 500 bianca per andare a trovare mio papà, a Trieste …

Top