Il padre (Fabrizio Bentivoglio) è uno scrittore fallito, padovano d’accento e romano d’adozione, il figlio (Filippo Scicchitano, naturalmente irresistibile) un quindicenne esagitato e adorabile, romano di nascita, di voce e di testa. Non sanno neanche di …

continua... Commenti disabilitati su Scialla! (Stai sereno)

La pelle che abito ovvero Che cosa ho fatto io per meritare questo?

Almodovar vuole cambiare sesso. Non ci vuole un genio di rara finezza freudiana per intuirlo. In questa pelicula realizza un sogno vagamente accennato in Hable con

RUBRICHISTA SENTIMENTALE: Tocca a te. UOMO SERIO: One Way al Quattro Fontane. R.S.: Che roba è? U.S: Una commedia con quell’attrice che ti piace, con le fossette e l’acca nel cognome. R.S.: Anne Hateway? Ma non mi piace per niente …

continua... Commenti disabilitati su One Day

Quelli che dicono “non si esce vivi dagli anni 80”, e lo dicono con allegria, come se gli anni 80 fossero solo orecchini immensi e musica pop, dovrebbero, anzi devono, vedere This is England. Dopo, continueranno a dire “non …

continua... Commenti disabilitati su This Is England

Questa settimana avrei dovuto parlarvi di un altro film. Invece, quattordici anni dopo la sua uscita, ho rivisto Romeo+Giulietta e mi sono ritrovata ai titoli di coda con mezza rubrica pronta. A vent’anni scarsi, con il sopracciglio alzato, l’avevo liquidato …

continua... Commenti disabilitati su Romeo+Giulietta

(Questo film s’ha da vedè in lingua originale)

Se siete dei darkettusi, rocchettari, punkabbestia nostalgici e vi siete sparati tutte le puntate degli Osbournes This Must Be The Place è il vostro film.

Pensiero fisso during the movie: chissà …

Innanzitutto c’è Mark Zuckerberg, futuro miliardario più giovane del mondo, con la sua storia di universitario disadattato in ciabatte, piantato da Erica in una prima scena con dialogo da premio Oscar. Poi c’è il suo unico amico, Eduardo Saverin

continua... Commenti disabilitati su The Social Network

Una delle possibili definizioni di genio potrebbe sintetizzarsi così: colui il quale prende un canovaccio che non vale niente e lo trasforma in qualcosa di indimenticabile. Se nel caso di Restless (letteralmente: inquieto, incessante; orribilmente tradotto con L’amore che resta

continua... Commenti disabilitati su Restless

Commentolavitadellelesbichefighe (Questo è il modo, è il modo in cui viviamo… e amiamoooo*)

– Spoiler alert –

L word è un telefilm americano ambientato a LA ma girato a Vancouver. L sta per lesbica. Word per parola. Poiché …

Cose che non riesco a smettere: la cioccolata, le sigarette ma a fasi alterne, le Next Big Thing britanniche, le borse e le commedie romantiche. Ma ben magre soddisfazioni mi regalano queste ultime, da qualche anno a questa parte. Nora …

Tre ragioni per amare un film tetro, il cui titolo originale è Tetro, con un protagonista di nome Tetro: – La battuta “Scrivere non è un lavoro che abbandoni da qualche parte. Lui ti segue”, immediatamente diventata La Citazione

continua... Commenti disabilitati su Segreti di famiglia

Stamattina faceva freddo, pioveva e per di più avevo un cerchio alla testa e un trentotto fisso sul termometro. Appena sveglio, di solito, non parlo con nessuno; mi rifugio nell’angoscioso zapping sulla televisione satellitare. Angoscioso per due motivi: il primo …

Ho indugiato un bel po’ prima di scrivere qualcosa su Santa Maradona. Perché? Perché per me santa Maradona significa Torino, e Torino significa… cito mia sorella: “E basta con ‘sta Torino! Mi sembri Carrie Bradshaw quando fa la svenevole …

continua... Commenti disabilitati su Santa Bart, Santa Andrea, Santa Maradona

Ci lamentiamo tanto dei titolisti che stravolgono il senso dei film con titoli del calibro di Se mi lasci, ti cancello. Ma io avrei ottimi motivi per lamentarmi anche dei titolisti che traducono alla lettera i titoli dei film …

continua... Commenti disabilitati su I quattrocento colpi

Siete usciti dal cinema con la mente in confusione dopo aver visto Inception? Beh, se il film di Nolan non vi ha fatto dormire la notte per i troppi punti interrogativi, questo vi terrà svegli una settimana. Perché che …

Le parrucchiere hanno il mondo tra le dita; spostano ciuffi, regolano basette, tagliano capelli e fanno innamorare. Patrice Leconte (il regista de La ragazza sul ponte, film già consigliato in queste pagine) narra con semplicità e leggerezza la storia …

continua... Commenti disabilitati su Anche le parrucchiere tengono marito

Lo ammetto: sono una di quelle persone che quando sente la parola “Musical” comincia a schiumare bile e rovescia gli occhi all’indietro urlando “Morite, gente strana che si mette a cantare nel bel mezzo di un discorso, nessuno si mette …

continua... Commenti disabilitati su All you need is a musical (?)

Ma se uno sta bene insieme, non capisco perché deve andare a prendere… uno dice Viviamo insieme quando vuol dire che le cose non vanno. Infatti poi quando peggiorano dice Perché non ci sposiamo?… che proprio cominciate che non

Jean-Luc Godard parlava così. Avevo rimosso questa citazione ma improvvisamente le parole del regista francese si sono fatte strada nella mia mente guardando Monica Vitti nei panni di Assunta Patanè, una giovane siciliana rapita per sbaglio dall’uomo che segretamente ama, …

continua... Commenti disabilitati su All you need for a movie is a gun and a girl

Abbiamo la frangetta, abbiamo i capelli verdi poi rosa poi blu come Clementine di Joel e Clementine, alle feste rimaniamo appoggiati al muro a deplorare gli altri che si divertono, suoniamo il basso, giochiamo coi videogame anni 80, usciamo di …

Top