continua... Commenti disabilitati su No Biomechs, No Future. Una biografia: Link-Lizard

continua... Commenti disabilitati su No Biomechs, No Future. Una biografia: Steam Stegosaurus

continua... Commenti disabilitati su No Biomechs, No Future. Una biografia: Motor Chicken

Rosella

La mia gonna nera fasciante, il maglione e i collant erano sulla sedia imbottita della mia camera da letto e io li guardavo nell’ombra di quella sera. Tra poco sarei stata la regina dei sughi pronti e delle insalate …

continua... Commenti disabilitati su Nuovo studio | Quarta parte

Antonio

Il nostro nuovo studio era perfetto, ma mancava qualcosa. Così il capo mi fece chiamare Giuseppe perché mi accompagnasse a recuperare dei quadri dalla galleria d’arte di una sua amica. Io non capivo se in quello studio stessi facendo …

continua... Commenti disabilitati su Nuovo studio | Terza parte

Rosella

Ma forse lui ora mi guarda troppo da vicino per vedermi, pensavo. Come se fosse una frase intelligente, una sentenza illuminata. Quel che volevo dire era chiaro, era una questione di distanza: era come se avessimo appena colliso e …

 Antonio

Seguivo le crepe delle piastrelle del pianerottolo, rosse e spaccate, fino alla fessura  irregolare tra il pavimento e il legno vecchio della porta. Ma visto che non ero solo, tentai di tornare alla realtà: tenevo una libreria per i …

Faccio un respiro lungo che risucchia tutto il rumore intorno, lo spolpa e me lo restituisce filtrato, puro.

Non posso smettere di pensare.

Lancio uno sguardo in direzione di Zaira. È alla giostra dei cavalli, quella con gli specchietti, gli …

continua... Commenti disabilitati su Le radici di Viola | Quarta parte

Torno alla mia posizione a passi lenti e ondeggianti e mi metto vicino ai motori. Il braccio meccanico spinge su e giù il disco rotante della mia giostra; lo inclina prima a destra, poi caposotto, poi di nuovo a sinistra …

È la nostra vita,il nostro mestiere. Niente feste comandate, niente giorni di chiusura, al massimo qualche giorno di magra. Arrivi nel cuore della notte, manovre millimetriche per le diciotto ruote del rimorchio. Scarichi il camion, costruisci l’attrazione – e pronti, …

continua... Commenti disabilitati su Le radici di Viola | Seconda parte

Ho messo le scarpe al sole, per strappare un sorriso a questo inverno rosicchiato e tornare a faticare con i piedi tiepidi.

Tiro fuori una cartina stropicciata e le briciole di tabacco sparpagliate nella tasca infeltrita, arrotolo la mia pausa …

continua... Commenti disabilitati su Le radici di Viola | Prima parte

continua... Commenti disabilitati su Vite di stanze quotidiane #4

continua... Commenti disabilitati su Vite di stanze quotidiane #3

continua... Commenti disabilitati su Vite di stanze quotidiane #2

continua... Commenti disabilitati su Vite di stanze quotidiane #1

Marco aveva la passione per l’informatica. Non si era laureato, e non aveva neanche provato a studiarla; aveva semplicemente cominciato a utilizzare i computer da piccolo, e la cosa gli era piaciuta. Lavorava come freelance, in pratica era un precario. …

continua... Commenti disabilitati su Un’idea invasiva 4

Marco non aveva molta voglia di uscire quella sera, ma gli amici lo avevano costretto, era da tanto che non si riunivano tutti insieme. Con il tempo il senso di solitudine che Marco aveva sempre provato si era accresciuto e …

continua... Commenti disabilitati su Un’idea invasiva 3

Stefania chiuse la porta dietro di sé. Giulia rimase in piedi, frastornata, a guardare le venature del legno. Sarebbe rimasta lì chissà per quanto tempo se non fosse squillato il cordless.

“Pronto.”

“Buongiorno piccola, sono papà. È da una settimana …

continua... Commenti disabilitati su Un’idea invasiva 2

La sveglia era suonata già da cinque minuti; Giulia la maledì, aveva dimenticato di disattivarla. Oggi non aveva nessun appuntamento: lavorava per un’agenzia immobiliare, ma, dalla scorsa settimana, le avevano comunicato che avrebbero filtrato gli appuntamenti con più cura. Significava …

continua... Commenti disabilitati su Un’idea invasiva 1

Sono passati quattro anni. I supplizi invecchiano in una botte di castagno, l’accidia si irrobustisce, il Becco ingiallisce davanti alla piorrea infiacchita dei suoi fidi habitué. Vizio, Isla e Zurlì sono seduti al solito tavolo; al quadretto del Penna si …

continua... Commenti disabilitati su Borgo Schizzati | Atto IV
Top