continua... Commenti disabilitati su Go everyday: Deep sight

continua... Commenti disabilitati su Go everyday: Finally I’m seeing

continua... Commenti disabilitati su Go everyday: Maybe now

continua... Commenti disabilitati su Go everyday: Out of school, run

Hanno un tempo anche tutte le cose che fanno questi di corso Trieste e ha qualcosa di delizioso il loro tempo: è eterno. Ogni cosa è fatta sempre allo stesso modo, sempre nello stesso momento.

Questo tempo è rassicurante, non …

Il tempo ha un tempo, e ci penso ogni volta che sono costretta a contare i minuti, i secondi prima di un suo sì o un suo no. Riesco ad analizzarlo ormai e ogni attimo ha il suo odore, ogni …

continua... Commenti disabilitati su Il tempo dietro le finestre di corso Trieste 3

La luce stasera si è spenta prima, e quando succede è perché si mettono a letto assieme, lui smette di leggere, lei sbriga le faccende più rapidamente, oggi è venerdì, oggi fanno l’amore… lo so perché si spegne la luce …

continua... Commenti disabilitati su Il tempo dietro le finestre di corso Trieste 2

A corso Trieste c’è una finestra al primo piano, non riesci a vedere nulla, solo quella spessa tenda con dei ricami color glicine. Al di là di quel vetro e quel tessuto c’è la vita che vorrei.

È arrivato puntuale …

continua... Commenti disabilitati su Il tempo dietro le finestre di corso Trieste 1

continua... Commenti disabilitati su Comme ils passent les heures 4

continua... Commenti disabilitati su Comme ils passent les heures 2

continua... Commenti disabilitati su Comme ils passent les heures 1

continua... Commenti disabilitati su L’acqua non è trasparente #4

È quello che sai che ti uccide o è quello che non sai?

Non voglio pensare a niente adesso. Mentre la pioggia mi scorre giù per la schiena e mi appesantisce i vestiti voglio rimanere sospesa, una piuma persa nel …

continua... Commenti disabilitati su Ricominciai a scrivere su carta perché me lo ordinò il dottore – Quarto Movimento

Passavano i giorni e cambiavano i colori. Dal blu delle prime frasi azzardavo rossi e arancioni a seconda dell’umore e di come stava la ferita. Tutto diventava via via più facile e la mia scrittura migliorava, era più fluida, più …

Sembrava una cavolata. A un mese di distanza dall’infortunio il dottore non è convinto che sia tutto a posto, nemmeno io, ma che senso ha dirglielo? Ci sono due tipi di dottori: quelli per i quali non hai mai nulla …

continua... Commenti disabilitati su Ricominciai a scrivere su carta perché me lo ordinò il dottore – Secondo Movimento

Era marzo, quasi primavera solo sul calendario, un vento gelido spazzava e sporcava le strade, sintomi di un inverno che non mollava. Le persone, invece, iniziavano a farlo, erano tutte umide dentro e la muffa cominciava a coprirle anche fuori, …

continua... Commenti disabilitati su Ricominciai a scrivere su carta perché me lo ordinò il dottore – Primo Movimento
Top