X.

Prima di uscire, mi controllo allo specchio dell’ingresso per imprimere nella mente quello che sono oggi: alle undici di un sabato mattina, sono felice come non lo sono mai stata.

Qualcuno deve avermi ammonita sull’importanza di questo passo, parole …

continua... Commenti disabilitati su Graffiti a mezzogiorno – Quarta parte

VIII.

Le giornate passavano e non riuscivo a capire perché stavo male. Ero ancora innamorata di Sid, oppure era delusione ed amor proprio ferito? Tutti sembravano conoscere il rimedio alla mia apatia, ma volevo solo essere lasciata in pace. Stavo …

continua... Commenti disabilitati su Graffiti a mezzogiorno – Terza parte

V.

Quando Sid ammise di non volerne più sapere di me, tutto mi sembrò profondamente ingiusto: cercavo di accettare il fatto che lui non fosse mai stato innamorato, ma al tempo stesso mi chiedevo perché fosse capitato proprio a me. …

continua... Commenti disabilitati su Graffiti a mezzogiorno – Seconda parte

E dalle radio dei segnali in codice.

I.

“Nonna, che ne dici?”. La luce del crepuscolo entra nella soffitta e colpisce alcune tele, barattoli di colore, un ordinato esercito di pennelli; nell’aria è sospeso un odore di acqua ragia e …

continua... Commenti disabilitati su Graffiti a mezzogiorno – Prima parte