Sono passati quattro anni. I supplizi invecchiano in una botte di castagno, l’accidia si irrobustisce, il Becco ingiallisce davanti alla piorrea infiacchita dei suoi fidi habitué. Vizio, Isla e Zurlì sono seduti al solito tavolo; al quadretto del Penna si …

continua... Commenti disabilitati su Borgo Schizzati | Atto IV

Isla, Smacco, Zurlì e Vizio stavano seduti al solito tavolo in fondo a sinistra, sotto un quadretto dedicato alla memoria del Penna: poeta fragile, millantatore di libertà riassorbito dai versi nevrotici di una progenie asfissiata. Il Becco Giallo, locanda cancerogena, …

continua... Commenti disabilitati su Borgo Schizzati | Atto III

Carlos si sciolse la coda di cavallo; alcuni ciuffi dilaniati dall’aggressività di uno shampoo antiforfora rimasero impigliati nell’elastico. Poi sottovoce, dietro un rossore commovente, chiese a Titti quello per cui l’aveva voluta là, in mezzo a quella nebbia collettiva: Prendimelo

continua... Commenti disabilitati su Borgo Schizzati | Atto II

Mangiava bacche di chichingero, per alterazione popolare. Davanti allo specchio procedeva con una grottesca autoaffermazione fallica, rimembrando la lunga serie di ingoi della sera prima.

Le occhiaie solcavano il volto già smunto, la materia cerebrale galleggiava nella pozzanghera insalubre della …

continua... Commenti disabilitati su Borgo Schizzati | Atto I