«Scommetto che non sapevi di avere un albero così bello nel tuo giardino», gli dissi.

Lui fece cenno di no.

«Basterà sfoltirgli la chioma perché inizi a infittirsi sotto. Ti arriverà vicino», gli promisi.

Lui si sedette e mi invitò …

Quattro giardinieri iniziarono a scavare intorno alle due palmette che occupavano il centro del giardino. Erano loro, con le loro chiome spettinate, con la tendenza a divaricarsi che i chamaerops sviluppano con gli anni, ad averlo reso invivibile, e insieme …

La mattina mi svegliai e prendendo il caffè guardai di nuovo fuori. Fu così che mi resi conto che solo il primo filo dello stendino era occupato dalle mie magliette, su tutti gli altri c’era la biancheria di Francesca. Mi …

Casa di Manuel era tutta lì: un ingresso, un varco lungo il quale si aprivano due porte per passare al bagno e alla camera da letto, poi una grossa stanza allungata che cuciva assieme cucina, pranzo e soggiorno. Sul fondo …