L’oscurità, di getto, si placa allo sfrecciare di ghirigori colorati, luci sgargianti, tremori abbaglianti; mentre evaporiamo senza più nulla nel petto che non sia stupore, mentre dimentichiamo progressivamente cosa sia accaduto in tutti questi anni, mentre torniamo ad essere gracili …

continua... Commenti disabilitati su Radiografia compatta di due fragili scheletri 4

Un bambino mi saluta mentre passeggiamo; com’è che si dice in questi casi? “Potrei essere io qualche anno fa”; ma le cose non stanno così e negli occhi di quel bambino se ne legge tutta la desolante consapevolezza.

Un albero

continua... Commenti disabilitati su Radiografia compatta di due fragili scheletri 3

Ne abbiamo discusso ieri sera, di tornare alle nostre radici, rivivere per un po’ il posto in cui siamo nati e cresciuti, quel tetro quartiere ai margini del decadimento metropolitano.

Ci siamo messi in viaggio, dopo aver lasciato il bar, …

continua... Commenti disabilitati su Radiografia compatta di due fragili scheletri 2

Il sole è rabbioso e l’enorme vetrina del bar non riesce a contenerla del tutto, la rabbia. C’è qualcosa nell’aria, fumo si direbbe, eppure in questo locale non si può più fumare: deve trattarsi dell’odore che la gente si porta …