«Sai che continua a sfuggirmi perché rimare con “cuore” è un problema? E se “cuore” fosse inteso come “muscolo cardiaco” che non ha niente a che vedere con l’amore?», mi fa Carla riportandomi alla colazione più lunga della mia vita. …

Visto a posteriori, fu più un modo per zittirla che altro. Al telefono me la figuravo più attraente: senza tic, senza ricrescita di dieci centimetri, senza l’orrida borsa a tracolla che decise di buttare due anni dopo (e solo perché …

«Ieri non avevi detto che volevi dormire a lungo stamattina?», chiede Carla grattandosi una tempia con quelle unghie quasi inesistenti. «Già, l’ho detto.»

L’avevo detto. E mi ero anche premurato di controllare che il cellulare non avesse la sveglia attivata. …

La consapevolezza che sua madre fosse una stronza a Carla venne prima che ad altri. «Senti un po’… la vuoi sapere una cosa?» «Cosa, mamma?» «Babbo Natale è tuo padre…» «Davvero? Papà? Porta lui i regali anche a Margherita e …