Killing Bono

- 22 Mar 2012

Premessa: questo non è un film particolarmente bello, anzi tutto sommato è una cosetta buona da vedere su Italia 1 un pomeriggio d’estate. Però. A parte che c’è Robert Sheehan, e quindi tutti noi che ci abbiamo anche provato a vedere la terza serie di Misfits ma non ce l’abbiamo potuta fare perché “questo dovrebbe far ridere? Ridateci Nathan e la sua crema solare, adesso!”, tutti noi amiamo Robert Sheehan e lo seguiremo ovunque lo porti quella faccia da schiaffi.

Poi. Tutti quanti abbiamo un Bono nella nostra vita. …in che senso? Per capirlo, bisogna che racconti la storia: Neil McCormick, ossia l’autore del libro da cui è tratto il film, è compagno di scuola e amico di Bono e, negli stessi giorni in cui si formano gli U2, fonda la sua band, con cui, ne è certo, raggiungerà le vette scintillanti dello stardom rock’n’roll. Ma qualcosa, anzi tante cose vanno storte, e lui passa gli anni successivi a suonare in locali di dubbia fama, vedere treni passare e non fermarsi, e vedere i manifesti dei concerti degli U2 farsi sempre più grandi e Bono diventare una star planetaria al posto suo.

Capito adesso? Tutti quanti abbiamo un Bono, o perlomeno tutti quelli che hanno un progetto che sembra essere sempre a un passo dal realizzarsi hanno un Bono: uno che ha lo stesso progetto, e magari ha anche meno talento, ma per congiunzioni positive, fortuna, o capacità di salire sui treni giusti, lo realizza mentre noi lo stiamo a guardare, e ci sbattiamo, e sbattiamo contro porte che non diventano mai portoni. E vorremmo tanto evitare quella brutta cosa che si chiama invidia, ma certe volte dai, come si fa? Non è che vogliamo veramente sparare a Bono, vorremmo solo un po’ di quello che ha lui, perché ce lo meritiamo anche noi.

Questo film è per tutti i Neil McCormick del mondo (a parte che comunque McCormick adesso fa il critico musicale e scrive sul Telegraph e ha scritto la biografia degli U2, che comunque non è il lavoro più sfigato del mondo, secondo la mia umile opinione), questo film è per tutti quelli che hanno (o hanno avuto) un Bono nella vita. Altro che uccisione del padre. Pensaci, dr. Freud.

Killing Bono
Regia Nick Hamm
Anno 2011

 

Commenti chiusi.