Street of Cocodriles

- 31 Gennaio 2012

Un uomo chiuso in una sala fruga dentro una scatola finché non ne estrae una bambola-manichino. Il manichino prende vita, si guarda intorno, comincia a esplorare il mondo, la vita, le cose attorno a lui. È muto e desolato, è curioso e al tempo stesso si ritrae, ogni oggetto sembra cupo e deforme ma sembra dover esistere solo in quella possibilità. Il mondo è da scoprire, il mondo è da fuggire, il mondo è da trasformare. Il senso del film dei fratelli Quay coincide con uno degli aspetti principali della poetica di Bruno Schulz, scrittore ebreo polacco morto nel 1942, autore dell’omonimo racconto. Visionaria la scrittura di Schulz, visionaria l’idea di un cortometraggio spaventosamente incantevole che Terry Gilliam ha incluso fra i dieci migliori film di animazione di tutti i tempi.

Schulz chiamava “via dei Coccodrilli” la strada dei ricchi, nel ristretto groviglio urbano della cittadina polacca di Drohobycz. Via dei Coccodrilli era frequentata principalmente da una borghesia arricchitasi anche grazie alla scoperta, in quell’area della Galizia Orientale, di alcuni pozzi petroliferi; carrozze, cocchieri, belle donne animavano lunghe passeggiate serali che il piccolo Schulz, figlio di un dignitoso ma modesto commerciante di stoffe, osservava con occhi stupiti.

La ricchezza e l’alienazione, la desolazione e il deserto, quel che resta al termine dell’opulenza: il film centra il punto e regala al tema nuove dimensioni. È tipico degli artisti che hanno amato Schulz (non solo registi ma anche scrittori, pittori, musicisti) voler in qualche modo omaggiarlo, attraversalo, restituirne una versione/visione personale. E il perché anche la vostra Rubrichista sia attratta, per non dire felicemente ossessionata, da questo scrittore, richiederebbe una lunga deviazione, mentre in questa sede vorrei limitarmi a un consiglio a chiunque passi di qua: regalatevi – il film si trova anche in rete – venti minuti di estasi targati Schulz&Quay.

Street of Cocodriles
Regia fratelli Quay
Anno 1986

 

Commenti chiusi.