Il taccuino (di fine anno) di Noemi #16

- 30 Dicembre 2011

E dopo Natale, ecco che subito arriva Capodanno: da non crederci :P Quindi questo taccuino resta infiocchettato e vestito a festa, riproponendovi alcune letture (romanzi only) che (per me) sono state importanti, piacevoli o divertenti in questo 2011 che giunge agli sgoccioli.

1) Io sono Febbraio di Shane Jones – Isbn Edizioni. Un piccolo libro di poesia-in-prosa o viceversa, su un inverno che non voleva finire mai. Che poi è finito, lasciando una sensazione nuova.

2) Libertà di Jonathan FranzenEinaudi. Un grande libro attesissimo. Un mondo, quello già ricco di Franzen, che si è espanso  se possibile ancora di più e meglio. Libertà: in effetti, una parola proprio adatta al 2011.

3) Storia d’amore vera e supertriste di Gary ShteyngartGuanda. Sì, il titolo lo dice: una storia d’amore vera (più o meno) e supertriste (questo lo confermo). Un romanzo ambientato in un futuro neanche troppo lontano, punteggiato di particolari, idee, spunti, come una miniatura che non ti stancheresti mai di scoprire.

4)  L’inconfondibile tristezza della torta al limone di Aimee Benderminimum fax. L’inconfondibile, delicato e profondissimo talento di questa superba scrittrice si riconferma nel suo ultimo romanzo sulle emozioni e il cibo, molto interessante.

Uhm ce ne sarebbero anche parecchi altri di libri che hanno segnato in positivo questo strano anno di crisi e cose nuove. Intanto, metto i quattro sulla mensolina-ikea-2011, in attesa di impilarne di nuovi sul comodino-2012.

E ora: una virtuale coppa di champagne per tutti !! :D

 

Commenti chiusi.