Il trucco e l’anima

- 21 Novembre 2011

I retroscena della nascita del Teatro D’Arte di Mosca. I rapporti di amicizia e la complicità artistica tra il grande maestro Stanislavskij e i suoi più stretti collaboratori come Vachtangov, l’allievo prediletto Mejerchol’d e Cechov. Un manuale di storia del teatro russo scritto poeticamente come un resoconto o memoriale pieno di partecipazione e affetto. Un inno al teatro e agli uomini che l’hanno fatto grande attraverso le loro storie, nel clima della Russia pre e post rivoluzionaria (straziante e memorabile il capitolo dove si narra la condanna a morte di Mejerchol’d e si svolge una ricostruzione dell’ultimo dialogo riconciliatore tra l’allievo ripudiato e il vecchio Maestro morente).

“Sia dunque maledetta l’intolleranza con tutti i suoi piccoli schiavi, che fanno della Non-legge la legge suprema, con la sua giungla di borghesucci spietati, sempre pronti ad urlar «crucifige», a proteggere la tirannía, ad impancarsi a salutisti, a tutori di «virtù» conculcate.”

Il trucco e l’anima. I maestri della regia nel teatro russo del Novecento
Angelo Maria Ripellino
Einaudi
Piccola Biblioteca Einaudi Nuova serie
23,00 euro

 

Commenti chiusi.