Categorie Autori

CiaoCiao Italia #5: andando verso ovest

di



Quando realizzi che probabilmente non riuscirai ad avere un nuovo permesso di lavoro e in meno di due mesi dovrai tornartene in Italia, vorresti iniziare a visitare tutti quei posti e fare tutte quelle cose che ti eri prefissato di fare, ma che ogni volta pensi “ma sì, tanto ho ancora un sacco di tempo”.

Poi realizzi che il “sacco” di tempo è diventato un “sacchetto” o “borsina della spesa”, fino a ridursi ad una misera “manciata”. A breve quindi, a meno che non succeda qualcosa di pressoché miracoloso, inizierò il mio vagare verso ovest.

Inizialmente pensavo di fare uno di quei viaggi epici, eterni, che ti portano per più di 10.000 chilometri “on the road” tra Canada e USA… un po’ la versione moderna delle storie di Kerouac, senza autostop e viaggi abusivi sui vagoni dei treni merci, ma saltando da un bus all’altro. Esiste anche un comodissimo biglietto mensile che ti permette di prendere quasi ogni bus in Canada e USA per un mese intero.

L’idea di un viaggio del genere è veramente affascinate: poter ammirare tutta l’immensità del Nord-America, il panorama che cambia man mano, attraversare le Rocky Mountains fermandosi in cittadine di cui il 99,99% della popolazione mondiale non ha mai sentito parlare, senza un vero itinerario, giusto una meta da raggiungere e 30 giorni di libertà davanti a te.

Però poi ripensi alla “manciata” di tempo che ti rimane e tutti i posti che vorresti vedere, e il piano salta. Solo per arrivare a Vancouver ci vogliono 72 ore, che mica puoi fartele tutte in una tirata… non voglio nemmeno pensare a tre giorni interi chiuso in un autobus…

Alternative?

Treno? No. I treni in Canada sono troppo troppo cari per le lunghe distanze.

Rimane quindi solo l’opzione aereo. Merda, mi tocca rinunciare al paesaggio, alle mille avventure e ai mille posti in cui mi sarei potuto ritrovare. Ora devo selezionare con cura dove andare, non sprecare nemmeno un giorno, un chilometro o un dollaro.

Ok, la prima tappa deve per forza essere Vancouver, la più grande città nella west coast canadese, totalmente differente da Toronto sia per clima che per panorama (hai sia l’oceano che le montagne a due passi, altro che il piattume dell’Ontario).

“Non puoi non visitare Victoria se vai a Vancouver”. Ok, voglio fidarmi di chi mi ha dato questo suggerimento. Victoria è a un paio d’ore di traghetto da Vancouver, si può fare.

Bene, sono sulla costa ovest, l’Oceano Pacifico è davanti a me. Il Grande Nord è lì, appena sopra la mia testa ma è un vicolo cieco, poi mi toccherebbe tornare giù. Magari la prossima volta, ora mi tocca scendere un po’ verso sud. Seattle è raggiungibile in poche ore di bus, e se hai ascoltato i Nirvana anche solo una volta nella vita ci devi andare!

Ok, ormai sono negli USA, la California è lì, poco più sotto che mi guarda. Che diamine, aggiungiamo San Francisco all’itinerario.

E vicino a Frisco cosa c’è? Las Vegas. Conoscete il famoso detto “What happen in Vegas, stays in Vegas”? Ecco, probabilmente perderò 10.000$ al casinò e mi sposerò almeno tre volte, ma nessuno verrà mai a saperlo…

Da Las Vegas posso facilmente raggiungere il Grand Canyon in giornata. Poter ammirare questa meraviglia della natura è nella mia bucket list da sempre.

Il tempo stringe, quindi è ora di tornare verso est per essere a Toronto e prendere il volo di ritorno in Italia. Ma teoricamente ho ancora qualche giorno di tempo. Chicago sarà quindi la mia ultima tappa prima di rientrare in territorio canadese.

Ricapitolando: Toronto, Vancouver, Victoria, Seattle, San Francisco, Grand Canyon, Chicago, Toronto.

Ce la farò?

Vi farò sapere com’è andata. Sempre che non succeda qualcosa di “miracoloso” che mi faccia cambiare idea…

 

← Articolo precedente

Articolo successivo →

1 commento

  1. Piccolo aggiornamento: siccome la vità è sempre piena di imprevisti e punti interrogativi, ho cambiato leggermente il mio itinerario. Giusto una tappa differente. Non vado più a Victoria, vicino a Vancouver, ma a Tofino, località sempre “in zona” (7 ore di bus) ma molto più “selvaggia” e famosa tra i surfisti di tutto il mondo… forse ne avevo abbastanza delle grandi città…

    Beccatevi questo video: http://vimeo.com/6741117

    Ste.