Cartoline di un’estate fa

- 10 Agosto 2011

Agosto. Un pontile sul lago alle sette della sera, acqua un po’meno azzurra e chiara del dovuto, e gli ultimi raggi di un sole caldo che più caldo non si può.

Calma. Pace. Giocare coi sassi, la beatitudine di non avere davvero null’altro da fare.

Riempirsi gli occhi di azzurro cielo, indovinare la forma delle nuvole bianche. E sorridere, perché niente importa: non il legno duro sotto la schiena, o il tramonto che avanza; tantomeno il tempo che scorre, inesorabile, verso la fine dell’estate.

 

Commenti chiusi.