Cartoline dal concerto più bello del mondo

- 22 Luglio 2011


Runaway e lo sapevi che sarebbe iniziata così.
(Go ahead go ahead throw your arms in the air tonight…)

Bloodbuzz Ohio e lui stavolta è accanto a te in quella passeggiata fatta cento volte sempre sulle stesse cento strade a pensare che non te ne importa nulla e che va bene così mentre cammini e balli e canti da sola e tutti ti guardano pensando che tu sia pazza. Ma va bene così.

(I’m on a bloodbuzz/ Yes I am/ I’m on a blood… buzz/ I’m on a bloodbuzz / God I am / I’m on a blood… buzz)

Fake Empire e ti fermi. Quella dietro di te sta piangendo e quello davanti per la prima volta è talmente basso che riesci a vedere (purtroppo) anche l’anello al dito di Matt.

(Stay out super late tonight/ picking apples, making pies/ put a little something in our lemonade and take it with us/ we’re half-awake in a fake empire…)

Terrible Love e hai i brividi per un mese o per sempre.

(It takes an ocean not to break…)

The National a Ferrara il 5 luglio nella piazza con il Castello. Nella hall trasparente di un hotel. Su di te e su tutti gli altri con le braccia che si aggrappano al suo collo. Davanti a quel pullmann bianco con i vetri oscurati mentre un uomo grande, grosso, tatuato e americano ti minaccia: “Go away!”. E lei risponde: “Just a cigarette, please”.

Grazie Johnny Hardly Hipster per le foto e il sostegno. Grazie ad Ales Sia per le sigarette.

(foto di naif.super)

 

Commenti chiusi.