Categorie Autori

Un amore

di



Recensioni SettePerUniche*

Tanto per cominciare Un amore di Dino Buzzati non è il mio libro preferito. È un libro che non smetterei mai di (ri)leggere. È una specie di richiamo posturale.

La storia o la conoscete o vi consiglio di leggerla. In breve: Antonio Dorigo è un architetto di quasi 50 anni, ricco, misantropo come un mammone trasandato. Un uomo perbene. Frequentando una casa d’appuntamento conosce Laide (che eleganza l’onomatopea con laida). “Provocante, estranea, irraggiungibile”, Laide è una minorenne che, in attesa di salire sul palco della Scala, assetata ambizione, si prostituisce. La ragazza è talmente bugiarda che Dorigo finisce per crederle, e se ne innamora (l’alter ego di Laide è proprio Milano in un’Italia ferita che scambierebbe volentieri la propria innocenza con qualsivoglia ricchezza).

Eugenio Montale disse di questo romanzo che è una «dissezione quasi anatomica di un sentimento amoroso che molti diranno patologico.» Perché non corrisposto. Come dargli torto. Che bisogno avrebbe avuto Buzzati di scriverlo se Un amore fosse stato felicemente ricambiato.

Di Un amore, scritto nel 1963, mi commuove l’attualità tetralgica della trama e lo stile scarno, ravvivato da una sintassi antiaccademica e l’ambientazione brulicante di disgraziati figli del boom economico. Mi commuove, sì. Un verbo, commuovere, che di solito considero defatigante. E per questo lo evito. E invece che fatica commuoversi dentro questo romanzo che fa ardere il cervello, scuotendolo violentemente. Il romanzo è imperfetto, certi passaggi assomigliano al delirio debordante delle persone sole. Ma senza queste imperfezioni non potrebbe essere così visionario, pagine che hanno avuto e avranno un grande futuro alle spalle.

«In lei, Laide, viveva meravigliosamente la città, dura, decisa, presuntuosa, sfacciata, orgogliosa, insolente. Nella degradazione degli animi e delle cose, fra suoni e luci equivoci, all’ombra tetra dei condominii, fra le muraglie di cemento e di gesso, nella frenetica desolazione, una specie di fiore.»

Un amore
Dino Buzzati
Mondadori
Collana Oscar scrittori moderni
9,50 euro

 

← Articolo precedente

Articolo successivo →

1 commento

  1. Adoro Dino.
    Più per altro che per questo…però un grande!