È solo un calesse

- 23 Febbraio 2011

Ma se uno sta bene insieme, non capisco perché deve andare a prendere… uno dice Viviamo insieme quando vuol dire che le cose non vanno. Infatti poi quando peggiorano dice Perché non ci sposiamo?… che proprio cominciate che non ce la fate più Che facciamo un figlio?. E quando alla fine vi odiate ma siete vecchi, dite Che ci lasciamo proprio adesso che siamo vecchi? È quello il percorso.
Tommaso (Massimo Troisi)

Io, Troisi, l’ho scoperto solo da grande. Quando ero più piccolo e i miei mi portavano al cinema, cominciavo a battere i piedi nel momento in cui scoprivo che stavamo andando a vedere un suo film. Io non capivo Troisi, ma non si trattava di una difficoltà di comprensione legata alla sceneggiatura o a chissà quale espediente cinematografico; io non capivo le parole, non capivo nulla dei suoi discorsi perché aveva quella parlata smangiucchiata. Per tutta la durata del film, l’esclamazione eeeh?! (con la variante che ha detto?) rivolta ai miei genitori era l’unica obiezione ch’io riuscissi a proferire.
Poi ho cominciato ad applicarmi e ho scoperto la leggerezza e la comicità, quelle struggenti però. Di Pensavo fosse amore e invece era un calesse posso raccontare ben poco: è la storia di Tommaso e Cecilia, due giovani fidanzati napoletani alle porte del matrimonio. La vita scorre tranquilla tra il ristorante di Tommaso e la libreria dove lavora Cecilia, finché lei su consiglio della madre non decide di lasciarlo. Tommaso non riesce a spiegarsi il perché del gesto di Cecilia, è intenzionato a soffrire bene e ricorre all’aiuto di una fattucchiera. Memorabile la risposta di Tommaso all’amico Amedeo il quale, dopo aver sventato un tentativo di suicidio, gli ricorda che non ci si uccide per amore e che bisogna soltanto aspettare: Allora io non mi uccido per amore, mi uccido per impazienza, va bene?
In questa rubrica ci si ferma sempre abbondantemente prima del finale e non credo occorra spiegarne il perché. Consigliato a: quelli che sono stati appena scaricati, quelli che hanno appena scaricato quelli prima della virgola, uomini, donne, bambini, anziani.
Posate il cucchiaino e il gelato, non servono.
Posate anche i fazzoletti di carta, non servono.

Guarda una scena

Pensavo fosse amore invece era un calesse
Regia Massimo Troisi
Anno 1991

 

2 commenti su “È solo un calesse

  1. 1

    Adoro!

  2. 2

    bello, il pezzo come il film ;)