Paradisi Personali

- 23 Gen 2011

“Dies irae, dies illa solvet saeclum in favilla, teste David cum Sybilla!

Quantus tremor est futurus, quando judex est venturus,

cuncta stricte discussurus.”

(Mozart, Requiem)

Magari, non so, state pensando che io sia un venditore come tanti ma – scusate se ve lo dico – vi sbagliate. Perché, nel mio campo, io sono il migliore.

Non ci credete?

Probabilmente smetterete di guardarmi con sufficienza quando scoprirete che, grazie a me, potrete conoscere cosa ci sarà dopo la vostra dipartita eterna. Come lo so?

La parte in cui mi uccido e scopro quello che succede subito dopo la lascio alla fine, intanto vi basti sapere che io so cosa accade al cervello una volta che il cuore smette di pulsare sangue e – vi posso assicurare – che non c’è nessun tunnel, nessuna luce. Nessun film che riassuma il Best of della vostra vita.

Niente. Non c’è niente.

Perplessi?

Ok, se vi dico immaginate il nulla cosa vi viene in mente? Forza, provateci.

Il vuoto pneumatico? Una camera iperbarica? Lo spazio profondo? Tutto nero? Tutto bianco? Immaginate, solo per un momento, che una di queste soluzioni cromatiche vi accompagni per il resto dell’eternità.

Già.

Ed ecco, perché – e arrivo al punto – avete bisogno di uno come me.

L’assenza di spiritualità nella vita contemporanea ha portato milioni di persone distratte da pensieri materiali, a non focalizzare che cosa gli accadrà dopo la morte. Rispondete senza rifletterci troppo: quand’è l’ultima volta che avete immaginato il vostro aldilà e, soprattutto, come l’avete immaginato?

La costruzione mentale di un universo ben definito da abitare una volta passati a miglior vita era, per gli antenati, parte fondamentale della riflessione quotidiana. Sin dagli egizi che, per favorire i ricordi, costruivano immense piramidi contenenti oggetti che i morti avrebbero dovuto utilizzare una volta oltrepassato il “confine”.

Oggi non è più così.

Dopo l’anarchia del panteismo grazie alle cui divinità ognuno poteva immaginarsi un dopo-vita seguendo il dio che più preferiva, ci fu un momento di riflusso, ancora non del tutto superato, a causa dei tre monoteismi che si imposero su tutti i precedenti immaginari. Non più di un dopo-vita a religione. Il tutto scorreva molto più ordinato e il controllo sulle menti era totale. Cosa ci fosse dopo veniva inculcato nelle mente attraverso preghiere e litanie o visualizzato con pitture e affreschi. Sebbene di elevata standardizzazione, i modelli Inferno, Purgatorio e Paradiso sono ancora i Paradisi Personali più richiesti dal target over 60.

Se, da una parte, oggi avremmo a disposizione la tecnologia per realizzare sofisticati Paradisi Personali rispondendo a tutte le esigenze, un anacronistico agnosticismo continua a spingere la maggior parte delle persone a sottovalutare tale necessità affidandosi a Paradisi Personali vintage dal dubbio gusto estetico oppure, ed è – credetemi – la scelta più drammatica, ad abbracciare, in nome di un ateismo senza creatività, una visione dell’aldilà banale, piatta, monocromatica.

Non immaginate nemmeno quante persone galleggino in buie atmosfere senza alcuna fonte di intrattenimento visivo e acustico. Numerose associazioni sono all’opera per fornire a queste povere anime un Paradiso Personale Basic in bianco e nero con tre ambienti arredati, requisito minimo indispensabile richiesto dal quinto Congresso Mondiale dei Creativi di Paradisi Artificiali.

Laddove l’assenza cronica di tempo vi impedisca di riflettere sul vostro Paradiso Personale ideale, saremmo lieti di crearne uno per voi.

Offriamo la possibilità di integrare creativamente elementi provenienti da diversi immaginari religiosi, filosofici e cinematografici suggerendo commistioni e intrattenimenti originali e rinnovabili nel tempo attraverso un’unica sottoscrizione Ab Aeternum.

Inviateci ora la vostra richiesta di Paradiso Personale e vi faremo contattare al più presto da uno dei nostri esperti Evangelist Heavens Designer che vi mostreranno – senza alcun impegno – l’eccezionale catalogo con i nostri migliori Paradisi Personali.

So a cosa state pensando: “Quale sarà il suo Paradiso Personale?”

Prima o poi me lo chiedono tutti i clienti.

Vi dirò, ho passato gran parte della mia vita affetto da attacchi di panico con una depressione cronica dietro la scrivania di un anonimo ufficio, sacrificando le mie naturali inclinazioni. Per questo nel mio Paradiso Personale Marketing Avanced ho deciso di essere il Miglior Venditore Di Paradisi Artificiali.

Ironico no?

Vi ho già detto dell’offerta sui Paradisi Personali Comunicanti “Scegli fino a 3 partner per l’eternità e ne riceverai uno in omaggio”?

“Giorno d’ira, quel giorno il mondo si dissolverà in faville,

come hanno predetto Davide e Sibilla!

Che terrore vi sarà quando arriverà il giudice

che esaminerà tutto severamente.”

(Mozart, Requiem)

 

Commenti chiusi.