Matteo Castellano

- 31 Gennaio 2011

Questa playlist è viziata.
È viziata dal fatto che − contro tutti miei postulati empirici − sono finito col chiedere all’autore della playlist il come e il perché delle sue scelte musicali. E l’ho fatto perché non riuscivo a spiegarmi come mai molti buoni pezzi fossero mixati con roba insignificante. Ora vi spiego.

Nella mia vita attuale la musica sudamericana è importante quanto scegliere il colore delle ciabatte nuove. Emozionante come un film di genere Avventura. Decisiva come le previsioni meteo. Quindi appena ho ascoltato queste prime tracce ho pensato fossero uno scherzo. A me piaceva Matteo Castellano perché aveva dei testi ironici e spietati, romantici e fuori contesto sempre, che cavolo c’entravano queste ballate tropicali?
Poi per puro caso l’ho incontrato e glielo ho chiesto.

Mi ha detto che si è divertito molto a compilare la playlist. Mi ha detto che lui quando sente un cantautore non gli interessa poi più di tanto capire le parole, che sente subito dal modo in cui cantano se quello è un cantautore che vale la pena. Ha citato un cantautore serbo, ma non mi ricordo il nome. Ha detto che era stufo del fatto che in qualsiasi negozio di musica hanno discografie intere di gruppi qualsiasi americani e inglesi e invece se ne fregano completamente di tutti gli altri. Era molto deciso ed era divertente fargli domande. Poi è toccato a lui fare domande e mi ha chiesto una sigaretta e se ero su Facebook. Gli ho dato una sigaretta e gli ho detto di no. Ha detto che non era un problema, che mi avrebbe scovato comunque in un modo o nell’altro e fatto avere il suo quasi-pronto nuovo CD in omaggio appena era pronto. L’ho ringraziato e sono tornato a casa a riascoltare la playlist.

Giuro che ho provato sul serio a farmi trascinare dalla sudamericanità della faccenda, ed ero ben determinato a lasciarmi trasportare chissà dove, anzi pensavo che con un po’ di buona volontà sarei riuscito senz’altro a contemplare la Salsa come una nuova Verità.
Ma alla terza canzone ero ancora ancorato qui.
Aspetterò il CD.


www.myspace.com/matteocastellano

  1. Ruben Blades – Decisiones
  2. Giuni Russo – Una rosa è una rosa
  3. Juan Louis Guerra – Oficio de enamorado
  4. Richard Bona – Dina Lam
  5. Lucio Dalla – Amici
  6. The Beach Boys – Let’s go away for awhile
  7. Pulp – Common People
  8. Camaron de la Isla – Casida de las palomas oscuras
  9. Matteo Salvatore – Lu bene mio
  10. Rino Gaetano – E la vecchia salta con l’asta
  11. Otis Redding – I’ve been loving you too long
  12. Bob Dylan – Positively 4th street
  13. Piero Ciampi – Barbara non c’è
  14. The Zen Circus – We just wanna live

BONUS TRACK

  • L’orage – Mi manda in aria
 

Commenti chiusi.