Un film che abbiamo rischiato di non vedere

- 1 Dicembre 2010

Marcello Mastroianni interpreta Federico Fellini e Federico Fellini dirige sé stesso in un film che racconta la perdita di un’idea. Il regista Guido Anselmi (interpretato da un magistrale – è proprio il caso di dirlo – Mastroianni) attraversa una fase di crisi creativa, l’idea per un film è sparita dalla sua testa e Guido deve far fronte alle incessanti richieste di chiarimento provenienti da attrici provinate e ignare della parte che spetta loro, da un produttore comprensivo ma preoccupato, dalla stampa avida di informazioni.
L’ottavo film e mezzo di Fellini (giunto dopo sette lungometraggi e un episodio del film corale Boccaccio ’70) è pronto per essere girato, ma Fellini ha perso l’idea. Il film, effettivamente, non c’è più, non esiste più. E mentre tutti gli fanno gli auguri per il nuovo film in preparazione, Fellini decide di raccontare il disagio di un uomo e affida la prevedibile critica alla figura dell’intellettuale, presente nel film: «la mancanza di un’idea problematica, o se si vuole di una premessa filosofica, rende il film una suite di episodi assolutamente gratuiti».
Così non è, a patto di farsi prendere per mano dal regista e rivivere l’infanzia, le donne e i ricordi di Guido.
Le musiche di Nino Rota e Leo Ferrè rasentano la perfezione nel ricordo di Guido bambino.

Guarda il trailer


Regia Federico Fellini
Soggetto Federico Fellini, Ennio Flaiano
Anno 1963

 

Un comment su “Un film che abbiamo rischiato di non vedere

  1. 1

    Immensitudine