125 grammi di burro

150 grammi di zucchero

250 grammi di farina

3 tuorli

2-3 cucchiai di cacao amaro in polvere

4-5 cucchiai di cocco grattugiato

un po’ di latte

Metti che un pomeriggio tua sorellina ti dice facciamo un dolce. Metti che non hai voglia di crostata né di ciambellone. Sai che fai? Vedi che c’è in dispensa e crei. Questo è quello che è venuto fuori da quel pomeriggio, enjoy!

Montate il burro finché diventa spumoso (che fa anche bene alla tonicità delle bracciotte, per chi ce le ha, come la sottoscritta. In caso di pessima forma fisica datevi il cambio con la sopracitata sorellina di 12 anni più giovane, o quel che avete sottomano, pure una coinquilina va bene).

Aggiungete lo zucchero, i tuorli e infine la farina. Amalgamate senza fare grumi (il grumo è il nemico di tutti i dolci) ed eventualmente aggiungete un po’ di latte (sono biscotti, non cemento eh).

Aggiungete il cacao e il cocco e impastate bene (in caso potete sostituire cacao e cocco con quello che la fantasia e la dispensa vi suggeriscono: noci, mandorle, nocciole, essenze di vaniglia, limone e chi più ne ha più ne metta). Aiutandovi con un cucchiaio fate tante piccole palline (noi le abbiamo rinominate cacchette, per intenderci). Mettete in forno già caldo a 180° per una ventina di minuti (per favore, non fate come noi che la prima volta le abbiamo carbonizzate). Si mangiano assolute o immerse in qualsivoglia liquido caldo.