Sulla strada dei parchi 1

- 26 Giugno 2010

Impariamo a leggere:

– M.a.p.

Consonanti e vocali che anticipano la parola distesa. Si chiamano acronimi.

– Cosa vuol dire?

Momentanea dislocazione di casa.

Nella vecchia casa non si può tornare quindi hanno creato delle case di legno dove poter stare temporaneamente.

Prassi di linguaggio con un bambino:

Rivolgersi linguisticamente ad un bambino come si fa con un adulto è cosa necessaria ed essenziale. Bisogna solo spiegare con maggior precisione ma l’apprendimento è assicurato.

Qui inaugurano con nuovi progetti in serie le vite fatte di passi bipedi, consapevoli e lenti.

Celebrano queste case che non ricordano alcun spazio se non quello della supplenza.

I tuoi coetanei non hanno spazi per giocare: gli scivoli, le altalene e i ponti sono stati trangugiati dalle montagne che abbiamo oltrepassato.

La nazione in cui viviamo è solita assumere questo comportamento:

Rifare è meglio che ricostruire!

Il mantenimento e la premura ingenua vengono licenziate dalla illusoria novità che sradica quella forza di una bellezza antica.

Quando qualcosa si rompe, mi chiedi la colla, e apprezzo quella tua cura nel volerla mettere in salvo. Le tue mani adulte, nonostante le dimensioni, si muovono con forza e rigore per ricomporre una fisionomia conosciuta e la tua vista si impegna nel collegare i movimenti di sutura.

L’espressione di questa città rimane negli occhi degli uomini robusti che hanno l’eroismo di inforcare gli strumenti di un manovale senza troppe norme da rispettare e ordinamenti da numerare e gli ingegneri con i sigilli bianchi rimangono con i nasi all’insù per trovare una planimetria resistente.

Non sono istantanee queste; ma un telaio che ha annodato fili di giorni, di corpi e di strade.

A volte,prima di andare a dormire, gli occhi si asciugano così tanto che fanno male e per riuscire a compiere un movimento naturale di riposo ci vuole una volontà straordinaria.

La polvere, che ho calpestato ed inalato, è entrata nel mio sistema: ogni granulo macinato sia consapevolezza per ogni sua puntura. Come in pieno inverno, su due ruote, quando inizia a piovere e le gocce diventano aghi taglienti.

Un’esplosione di vento possa far sentire la realtà senza verità ordinata.

Nel diagramma spazio-tempo collegato alle tre dimensioni trovo un cane solo in piazza del Duomo.

Non indossa targhette prende il sole che e dorme appoggiato ad una transenna di sicurezza.

Il padrone non si vede, ma non mostra segni di dipendenza e se lo osservo bene non mi sento molto diversa da lui.

 

Commenti chiusi.