La fille sur le pont

- 12 Maggio 2010

L’invenzione della pellicola cinematografica a colori ci ha privato della fantasia.
Il colore parla, sussurra, a volte urla. In ogni caso, suggerisce. E dunque ci ruba l’immaginazione. Per esempio, il colore ci avrebbe fatto capire all’istante quanto fosse fredda quell’acqua; le quasi impercettibili varianti del blu scuro ci avrebbero dato l’immagine chiara e definitiva della temperatura di quel fiume. E invece no, lo vediamo nero, scuro, possiamo immaginare sia anche freddo, ma non possiamo esserne certi.
Noi siamo la ragazza sul ponte. Noi siamo quelli che, davanti a una decisione importante, ci perdiamo in dettagli inutili; costruiamo una serie di scuse per non voler ammettere a noi stessi che il fallimento di ogni proposito è sempre dietro l’angolo e dunque non vale la pena neanche tentare. Poi però ci lanciamo. Così, all’improvviso.

Guarda.

La ragazza sul ponte (La fille sur le pont)
Regia Patrice Leconte
Anno 1999

 

Commenti chiusi.