C’è chi sostiene che una divinità senza fedeli sia destinata a morire lentamente perché nessuno la ricorda, e che il potere delle divinità deriva dalle persone che credono in lei. È una buona teoria, ma tendenzialmente è falsa.

Voglio dire, nessuna divinità è così egocentrica: insomma, già sei divino, che ti frega se qualcuno ti adora? Essere davvero divini significa anche aver superato buona parte dei tuoi problemi di autostima, sennò è un casino.

No, tendenzialmente le divinità sono molto felici quando ci sono altre divinità che hanno molti più adepti, fondamentalmente perché questo significa che i religiosi disturbano qualcun altro, e loro possono stare tranquilli senza nessuno che rompa le scatole con richieste, suppliche o amenità del genere. Avete idea di cosa significhi governare un pianeta mentre qualche milione di persone continuano a urlarti nelle orecchie cose del tutto inutili? Mandereste glaciazioni ogni cinque minuti.

Ad ogni modo, chiunque si avventurasse sulla cima innevata del monte Zolletta, a nord della Teiera, scoprirebbe una piccola valle riparata dai venti dove sorgono un paio di capanne.

Questo molto ipoteticamente, sia chiaro; sarebbe del tutto impossibile per un mortale arrivare fino a lì, e comunque sarebbe troppo grande anche solo per poterla vedere, e comunque, una volta che un mortale fosse lì, davanti alle divinità che governano il pianeta, che cosa potrebbe dire: “Piacere, sono molto felice di conoscervi, ma sapete, secondo me potete fare meglio di così”? Sarebbe quanto meno imprudente da parte sua.

Quello che sto cercando di dire è che i tre abitanti delle capanne sono anche le divinità che decidono i destini del pianeta Terra; sarebbe complicato riportarne i nomi nella loro forma originale, vi basti sapere che nella forma più accessibile ai terrestri, i loro nomi suonerebbero come Gimmi, Sam e Lovin’.

Sapere che tre divinità che abitano su una teiera orbitante fra la Terra e Marte possono decidere i destini del pianeta non vi aiuterà molto, nella vita in generale, dico. Quello che invece potrebbe aiutarvi è sapere che tendenzialmente Gimmi, Sam e Lovin’ vi ignorano, e preferiscono concentrarsi su altre specie più evolute del pianeta, tipo i lemming, o gli okapi.

Voglio dire, in tutto quello che vi succede, non c’è quasi mai niente di personale da parte Loro (in effetti non so se questo potrebbe aiutarvi, ma lo spero).

Avrei molte altre cose da spiegare ma per ora vi basti sapere che per evitare problemi, io vi consiglierei (non è un dogma, è un consiglio: gli dei della Teiera sono favorevoli al libero arbitrio, ma se poi vi investe un autobus non prendetevela con me) di non usare il comic sans in corpo 14, di lasciare in pace i cavedani, e di conoscere il Cha no yu, nel caso vi interroghino a sorpresa.